Parole di Ele

Storie, parole, amore e passione in poche o troppe righe

Archivio delle categorieBlog

Digital Pr: non solo linkbuilding

Di Digital Pr tutti parlano: ma ne conoscono la potenza effettiva? Spesso le aziende ritengono che fare un buon piano di digital pr sia esclusivamente incrementare il loro tessuto di link in rete ma non è così.

Ci avete mai pensato?

Lavoro da anni nel settore e spesso e volentieri ho riflettuto su questo tema.

E’ vero, avere dei link su siti autorevoli conta: ma essere letti, condivisi, commentati può contare di più

Contenuti e storytelling per ottime digital pr

Che content is the king lo ho ripetuto spesso in questo blog, il contenuto e la narrazione, storytelling, contano moltissimo. E’ più facile far passare un ottimo comunicato stampa senza link piuttosto che uno con un link! Dietro i link, specie se do follow, c’è un business importante ed è la pubblicazione di testi con link che fa girare l’economia di tantissimi siti.

Voglio che un testo mi sia respinto a proprio? Chiedo la pubblicazione gratuita di un link. Voglio una uscita superlativa? Non ci inserisco il link! Semplice ed efficace.

Inoltre un buon testo può persino far guadagnare condivisioni, commenti, incrementare le vendite e tanto altro.

Abolire la necessità di link: è cambiare le strategie di una comunicazione digitale efficace. Creare ottimi contenuti è fare digital pr esclusive e potenti.

 

Digital Pr: le tattiche da utilizzare

Sebbene i link siano importanti esistono altre tattiche e strategie per fare delle buone attività di digital pr altrimenti sarebbe esclusivamente linkbuilding che in realtà è compito dell’esperto seo e non di chi si occupa della comunicazione aziendale o personale della committenza.  

  1. Richiamo di brand: una campagna digital pr di successo deve essere studiata in modo strategico e deve contenere, dentro un testo alcuni richiami di brand, in questo modo il posizionamento organico del testo lo renderà di facile ricerca.
  2. Generare fiducia: dei testi ottimi, dei contenuti vincenti, della sana e strategia attività di storytelling generano fiducia e arrivano persino a fidelizzare un cliente. Vuoi mettere a fiducia contro un link?
  3. Conoscenza del pubblico: un approccio differente è quello di chi fa le digital pr con passione e professionalità. Conoscere il pubblico a cui si rivolge la committenza, utilizzare un tono simile a quello che il lettore si aspetta, diventa prioritario in una ottima strategia di comunicazione.
  4. Menzioni e citazioni: contano moltissimo. Ottenere una citazione su una nota testata dedicata al brand ha un valore intrinseco importante. E se in un testo viene citato il nome del brand della committenza, il suo valore, spesso può essere triplo rispetto a quello di un link che nessuno clickerà ma servirà solo per i boot e gli algoritmi dei motori di ricerca.
  5. Link: infine i tanto desiderati link. Un link no follow in una testata tematica è importantissimo, aggiunge un valore aggiunto naturale ad un testo e, essendo no follow spesso è concesso gratuitamente. Un do follow si paga sempre e comunque, è vero che quest’ultimo incrementa il posizionamento della parola chiave indicata ma è anche vero che non devono essere l’unico scopo dell’attività.

Pubblicare un testo: è convincere

Spesso chi chiede attività di digital pr non sa cosa ci sia dietro: anni di rapporti umani, conoscenze, studio e strategia. Al Digital Pr con una nutrita mailing list verrà più semplice (e l’azienda ci risparmierà) chiedere la pubblicazione di un contenuto ottimo senza link piuttosto che lo stesso testo zeppo di link. Provare per credere. Difficilmente un contenuto  fresco, leggero, innovativo ed unico viene respinto se senza link.

Non ci credi? Provaci anzi no… contattami avrà un servizio eccezionale!

LinkedIn: come usarlo bene

Sai usare veramente LinkedIn? Quante volte hai avuto un contatto di lavoro da LinkedIn? Forse il tuo profilo non è curato in modo adeguato. Approfitta delle giornate libere e di riposo per un restyling del profilo.

Sono 11 milioni gli utenti italiani connessi al social network dedicato al mondo del lavoro. I profili presenti sono tantissimi.  Una piattaforma dove raccontare la propria esperienza professionale e mantenere i contatti con la  rete di lavoro.

Profilo LinkedIn cosa mettere

LinkedIn è un social dedicato al lavoro è dunque fondamentale inserire dove e cosa si è studiato ma anche dove si è lavorato e dove si lavora oggi. La rete è fatta da colleghi, ex-colleghi, clienti e fornitori, persone con cui abbiamo da condividere esperienze e interessi comuni di tipo lavorativo. Quando si condivide un post è meglio che questo sia relativo al mondo del lavoro. A differenza di tutti gli altri social nati per lo più per divertimento e amicizia, qui è assolutamente poco consono postare i buongiorno o le foto al mare!

In genere su LinkedIn ci sono i entro a LinkedIn ci sono anche molti recruiters che navigano a caccia di un profilo giusto o di un canditato eccellente.

Bisogna ottimizzare il proprio profilo.

 

Ottimizzare il profilo su LinkedIn ecco come

Ottimizzare il profilo è fondamentale. Non basta esserci. Bisogna avere un profilo con  la foto, un sommario  ben fatto, l’url personalizzata, un riepilogo consono e le esperienze lavorative messe in ordine.

Allegare documenti, mostrare progetti, inserire video è importantissimo su LinkedIn.

Fare del buon  networking su LinkedIn significa avere una serie di contatti interessanti sotto il punto di vista del lavoro e dunque bisogna avere un profilo perfetto anche per questo motivo.

Avere un profilo ottimizzato significa non solo avere contenuti di valore ma saper interagire in modo chiaro, sintetico e professionale. Tu lo fai?

La foto su LinkedIn

La foto su LinkedIn conta, ha un senso preciso, essere visti e riconosciuti. Una foto nitida e chiara, non fotessera è importante. Evitare trucchi o abiti particolarmente eccessivi. E’ la foto per una mission di lavoro e non un concorso di bellezza. La foto deve mostrare la persona ed è per questo che il logo è meglio usarlo come top della copertina e non come immagine di profilo.  Una foto semplice, sorridente ed espressiva è quella giusta. Non serve altro se non ciò che è necessario.

Visibilità su LinkedIn

Come ogni social anche LinkedIn ha dei suoi algortimi in costante aggiornamento.  Ma come si può ottenere una buona visibilità. Non semplice ma possibile.

Come avere visibilità su LinkedIn

LinkedIn è dedicato al mondo del lavoro ed ai professionisti, per avere maggiore visibilità bisogna contribuire alla rete con conoscenza e non con post casuali. E’ dunque necessario conversare, interagire i contenuti prodotti o condivisi dagli altri utenti, partecipare alle discussioni, offrire i propri contributi.Più si fa conversazione, più si contribuisce al social più si avrà visibilità.

Tutto chiaro? Sei pronto ad utilizzare LinkedIn in modo consono? No? Un consiglio te lo posso sempre offrire!

Digital Pr, ne ho parlato a iNovas

Domenica 23 giugno ho partecipato a iNovas Expo, fiera dell’innovazione digitale. L’evento, curato da Carbonia Produce, centro commerciale naturale, è stato per me molto interessante.

Innanzitutto l’idea degli organizzatori: assolutamente da premiare. In Sardegna si parla troppo poco di innovazione digitale nonostante esistano tante possibilità per le aziende locali, per i professionisti del settore ma last but not least: il digitale è una risorsa di lavoro da sfruttare.

Quanti sono i nostri giovani e meno giovani, dotati di competenze che restano in attesa di un posto fisso in un mondo sempre più rapido, flessibile e smaterializzato? Troppi.

 

Digital Pr: ne abbiamo parlato a iNovas Expo

Ad iNovas Expo ho avuto il piacere di parlare di Digital Pr illustrando le tecniche base e dando qualche piccolo suggerimento.

Indubbiamente è stato interessante presentare le Digital Pr al pubblico curioso ed attendo di iNovas Sardegna. C’è ancora tanto da fare. La confusione su quanto concerne le attività digitali è davvero parecchia.

Durante il mio breve intervento ho cercato di illustrare tecniche base e di dare consigli.

Ad oggi spiegare cosa sono le Digital Pr è difficile: tra novità e complessità del tema spesso si resta perplessi.

Nonostante sia difficile ho trovato tra il pubblico imprenditori interessati a capire meglio le potenzialità delle Digital Pr.

Il punto sulle Digital PR nel Sulcis

Durante l’intervento è emerso che le Digital Pr non sono conosciute o comunque non sono note. Raramente vengono proposte alle imprese ed agli imprenditori. In genere la maggior parte degli operatori del mondo digitale tende a proporre l’ADV ed altre strategie di marketing dimenticando la potenza della comunicazione integrata.

Le Digital Pr, se fatte bene, possono essere una interessante modalità di azione nel web ed è per questo motivo che mi sento di consigliarle a tutti coloro che sono intenzionati a rafforzare il proprio business scoprendo l’immenso mercato della rete.

Digital Pr per strutture extralberghiere? Le dritte

Estate vicina: bisogna riempire hotel, case vacanze e bed and breakfast. Che strategia usare?

La scelta migliore è quella di affidarsi a chi è esperto di Digital Pr e Digital Marketing.

Non conosci i motivi? Cercherò di illustrarteli!

L’odio dalla rete passa al telefono

La rete l’odio: un amaro dato di fatto.

Storie di ordinaria amministrazione per chi di web è pratico.

Da anni lavoro e vivo di web.

La mia passione. Innanzitutto.

Scrivo, pubblico, animo: lavoro nel web a 360 gradi.

In oltre 22 anni di web ne ho visto e letto di tutti i tipi.

Questa va raccontata: è al limite del reale.

Un contenuto ben scritto è il successo sul web

Il successo sul web passa da un testo ben scritto. Il lettore digitale resta su un testo poco pi di qualche secondo e solo il 18% di essi arriva a leggere tutto il contenuto.

Questo ci fa capire che un testo per il web deve essere scritto in base a delle regole.

Stories ed altro per aumentare visibilità in rete

Aumentare la visibilità in rete è ciò che desidera ogni cliente: essere ben posizionato e visibile vuol dire aumentare il proprio business.

Abbiamo parlato spesso della digital pr come attività idonee ad implementare il successo in rete e non solo, fatto sta che l’evoluzione costante della rete ha necessità di nuove strategie. Vediamone alcune insieme.

2019 l’anno delle Digital Pr

Anche in Italia le Digital Pr sono diventate fondamentali per aziende, privati, politici e quanto altro. Nel 2019 le attività di Digital Pr saranno quelle più richieste da tutti coloro che vogliono essere conosciuti nel web e nel mondo reale. Finalmente anche in Italia si è capito che per far conoscere la propria azienda, il proprio ruolo, le proprie attività non basta solo la sponsorizzazione ma servono azioni tese a migliorare il brand awareness lato digital e se queste sono abbinate al  servizio di Link building qualcosa allora può cambiare davvero.

Digital Pr: perchè servono

Le Digital Pr sino ad ora sono sempre guardate con sospetto ora invece finalmente si è capito che questo genere di attività servono. Potenziare

Il servizio delle Digital PR: un’opportunità da cogliere al volo per rafforzare posizionamento, brand, awareness e sopratutto per essere visibilili nel web e non solo.

L’attività di Digital Pr, come ho già segnalato diverse volte si svolge con alcuni step differenti tra loro

Far conoscere il proprio potenziale, i propri prodotti, la propria azienda, le proprie idee passa attraverso i due step indicati e tantissime altre azioni: un mix tra comunicazione tradizionale ed innovativa.

Il cittadino percepisce il valore di un brand o di una personalità solo se ne parla la rete. Un dato di fatto ormai ed è per questo che riuscire ad avere un buon piano marketing arricchito da attività di Digital Pr può far svoltare la propria azienda.

Digital Pr: strategia di comunicazione integrata

Le Digital Pr sono strategie di comunicazione integrata: online ed offline. Impossibile? Possibile se ci si affida a dei professionisti del settore (lavoro in questo campo da anni!)

E’ fondamentale lavorare su due piani ed integrare al tutto una ottima attività SEO e linkbuilding in questo modo si sarà molto più visibili in rete. Con le giuste attività si ottiene maggior rilevanza del bran online, si aumenta la popolarità nel web e si generano tantissimi altri fattori importanti per il SEO. La ricaduta sarà quella di essere sempre più visibili. Maggiore visibilità vorrà dire: più clienti o comunque più popolarità. Dipende sempre dal chi siamo (azienda o soggetto) e da dove vogliamo arrivare.

5 motivi per  attivare una campagna Digital Pr

 

  1. Aumentare la propria reputazione e quella del brand
  2. Implementare la brand awareness del marchio
  3. Sviluppare e far crescere autorevolezza in rete e nel mondo reale
  4. Potenziare il comparto clienti
  5. Avere nuovi clienti
  6. Conoscere e migliorare la percezione della propria azienda.

Indubbiamente le Digital Pr servono un pò a tutti coloro che vogliono essere conosciuti in rete e non solo.

Affidarsi a chi fa Digital Pr di professione è fondamentale.

Hai già provato i miei servizi?

Novità Seo 2019 tutto ciò che devi sapere

Il 2018 volge alla fine ed è bene prepararsi in anticipo al 2019. Cosa accadrà? Tantissime sono le novità SEO 2019. A quanto pare si prevede un anno rivoluzionario per tutti.

Cosa fare per stare al passo con le novità SEO 2019

  • protocolli innanzitutto: adeguare il sito a HTTPS è ormai una necessità, chi non lo ha ancora fatto deve farlo immediatamente. E’ importante soprattutto per chi ospita nel sito redazionali e guestpost. Le società non sono più interessate al protocollo classico http ma puntano su siti https riconosciuti sicuri da Google. Hai già acquistato il certificato HTTPS? No? Fallo subito.
  • AMP (Accelerated Mobile Pages) diventato fondamentale per l’ottima fruizione del sito o del blog da devices mobili.

Novità SEO 2019

  • Le novità SEO 2019  sono particolari: cresce la ricerca vocale e dunque diventa fondamentale migliorare questo aspetto.
  • AMSO che mistero! Poco utilizzato in Italia ma di certo si prevede un ottimo trend per il 2019. Cosa è AMSO? Amazon Search Optimization una ottimizzazione interna al più grande marketplace mondiale.

Content is the king: SEO 2019

Non ci crederete mai ma continua ad essere il contenuto il miglior metodo per restare a galla nella marea della rete. Contenuti di alta qualità, testi ben redatti, freschi e sopratutto ottimizzati continuano ad essere la strategia migliore. Ovviamente bisogna essere consapevoli dell’utilizzo di link interni, h2, h3, e quanto altro. Bene poi puntare sulla metadescizione da non considerare mai come un qualcosa da non fare! I contenuti devono essere adeguatamente valorizzati da testi e video.

Social: usarli bene

Lo sappiamo già: usare bene i social diventa la chiave del successo. Nel 2019 aumenteranno ancora di più gli utenti su Instagram e sarà necessario avere contenuti profilanti per quel social. Bene le foto da collegare ad un ottimo contenuto che può richiamare il link di un sito o di un blog. Facebook è sempre un ottimo amico di chi vuole posizionare bene un prodotto o un sito sul web. Post di media lunghezza con contenuto video foto interessante. Diventa fondamentale non più ottenere like ma avere una ottima quantità e qualità di engagement quindi commenti, commenti commenti.

 

Perdere posizione su Google. Perchè

Perdere posizione su Google. Perchè

Il posizionamento di un sito è fondamentale per una ottima presenza web ma anche e sopratutto per avere una resa reale del business di ogni azienda o realtà imprenditoriale e lavorativa.

Accade spesso che un sito perda posizione perchè?

Perdere posizione su Google è qualcosa che mette in ansia tutti: dai professionisti del digitale ai proprietari dei siti.

4 motivi perchè si perdono posizioni su Google

Il tuo sito è perfetto, ottimizzazione seo insite elevata, studio di parole chiavi, linkbuilding professionale eppure in Serp il sito perde posizione. I motivi sono tantissimi.

  • Server economico: il sito perde posizioni su Google

Pochi sanno che un server economico può essere la causa di perdita di posizione su Google. Investire su un ottimo server può diventare il primo step per garantire una buona posizione su Google. Per un ottimo lavoro di posizionamento sono da scartare le offerte di hosting condiviso su server che allo stesso ip ospitano più siti. Scegliere di investire qualcosa in più su un server di proprietà di una ottima web farm che offre servizi unici  è la prima cosa da fare.

  • Server localizzato in Italia per non perdere posizione su Google

La tua azienda è in Italia, il tuo core business è rivolto al mercato italiano: perchè scegliere un server radicato all’estero? Forse per risparmiare? Investire qualche euro in più e scegliere un server residente in Italia agevola il lavoro di posizionamento. Infatti è poco intelligente acquistare soluzioni economiche estere se in realtà la lingua principale del tuo sito è quella italiana.

  • Assenza Https: la sicurezza è fondamentale

Da qualche mese il classico http è sostituito da HTTPS non ti sei ancora adeguato? Sbrigati! Anche questo step è fondamentale per non perdere posizione su Google.

Https indica un protocollo di sicurezza che cifra le comunicazioni tra il tuo server ed il browser dell’utente. Lo si riconosce dall’icona lucchetto che compare nella stringa del browser. Adeguare il proprio sito è fondmentale. I risultati infatti non si abbassano se il sito viene reso sicuro con utilizzo del protocollo https. E’ un passaggio abbastanza veloce che il tuo web master o il tuo programmatore possono fare rapidamente senza dover lavorare sul codice del sito.

  • Assenza di dati di contatto ed informazioni aziendali

Sembra stupido ma non lo è . In rete la trasparenza è fondamentale e di questo ne sono ben certi persino gli spider. Un sito poco chiaro, uno spazio redatto in italiano incerto con assenza di dati di contatto, dati fiscali e quanto altro serva ad identifacare il tuo business può essere la causa di una perdita di posizioni su Google.

Comunicare bene è necessario.

Se pensi che tutto ciò che hai letto sia rispettato dal tuo sito allora perdi posizione su Google per altri motivi magari per una LinkBuilding non professionale.

In ogni caso per un consulto o una consulenza sono disponibile.

Avere il sito in prima posizione non è poi così complicato: bisogna volerlo, investirci sopra e sopratutto avere la giusta conoscenza della rete.