Comunicazione digitale e campagna elettorale: vincere grazie alla rete

Da tempo le elezioni le vince chi conosce la comunicazione digitale. Gli esempi sono tantissimi: un pò tutti ormai si conoscono. In Italia la comunicazione digitale viene utilizzata ormai dai partiti ed in genere per le elezioni Politiche, scarsamente conosciuto invece è il potere di una buona comunicazione politica digitale per quanto concerne le altre realtà.

Eppure sempre e comunque da diversi anni i social danno un contributo decisivo alla campagna elettorale.  Può sembrare strano ma in America questo accade da un pò e non solo per gli scontri per le Presidenziali ma per qualsiasi genere di elezione ed allora cosa abbiamo in Italia diverso dall’America? Niente o poco.

Orientare il voto attraverso i social è possibile: dovremmo ben ricordare  lo scandalo Cambridge Analytica e la scoperta dell’uso di fake news diffuse attraverso internet, la buona comunicazione digitale non è certo questo ma può indubbiamente orientare gli elettori.

Come utilizzare dati e social per una buona comunicazione politica in campagna elettorale

  • Le piattaforme social offrono dei servizi per le campagne politiche: sì e sono servizi simili a quelle per le campagne commerciali. Attenzione però nella comunicazione politica bisogna avere dei toni differenti rispetto ad una campagna di comunicazione orientata al consumatore. Questo deve esserci chiaro. Gli strumenti da utilizzare sono gli stessi e sono simili.
  • La comunicazione politica è sempre autorizzata e sui social serve il deposito di un documento di identità di chi sponsorizza la campagna. Non lo sapevi vero? Sì da qualche tempo funziona così e per fortuna!
  • La campagna di comunicazione politica è massimamente targetizzata: bisogna essere in grado di generare pubblicità politiche che sono coinvolgenti per i loro interessi o informazioni su politici e opinioni che potrebbero essere influenzati a sostenere.  Questo vale per una qualsiasi elezione sia di un paesino con meno di 1000 elettori sia per una circoscrizione di un collegio elettorale ampio.
  • Le  campagne di comunicazione digitali sono più sostenibili ed ecologiche: non si usa la carta, non si disturba l’elettore.

Campagna elettorale:  sponsorizzare solo sapendolo fare

Quando si programma una campagna elettorale nulla va lasciato al caso specie sei si gestisce una campagna di comunicazione digitale. Nulla si inventa, niente si sperimenta.

E’ vero che avere tanti fan è sempre un ottimo dato eppure bisogna essere realisti e reali: se ci si candida in un consiglio comunale di un paese di 1000 elettori non si possono avere 1000000 fan sui social. Qualcosa non torna. Cosa fare?

  1. Campagne sponsorizzate su target locale prendendo in esame solo ed esclusivamente il collegio di competenza.
  2. Campagne dedicate: a problematiche reali ed effettive.

Molto spesso si pensa che la comunicazione politica debba essere ampia e vasta: non è così. Tutto va commisurato alle elezioni che si vuole vincere. Portare un dibattito dal mondo reale a quello digitale e viceversa è possibile ma bisogna farlo bene. Come? Indubbiamente conoscendo i social e sapendoli gestire in modo perfetto. Inutile dire che è doveroso evitare le fake news e gli acquisti massivi di followers non portano da nessuna parte se non a coltivare il pò di narcisismo che ognuno ha in sè.

E’ da tenere conto un dato base: la campagna di comunicazione politica è un lavoro coordinato non esiste occuparsi solo dei social o solo della comunicazione stampa. Esiste lavorare in team o esiste anche l’ipotesi di poter progrettare una immagine politica unica in modalità esclusiva.  Quello che è fondamentale nel campo della comunicazione politica è riuscire ad avere un progetto di comunicazione digitale che comprenda social, stampa tradizionale e non solo.

Campagna elettorale: come vincere

In politica è vero servono voti reali e programmi concreti ma per vincere è utile una campagna di comunicazione digitale che si basa su alcuni punti fermi.

  1. Un sito internet: fondamentale da avere, questo deve essere facilmente raggiungibile, deve contenere informazioni su di te, sulle tue idee, sulle tue attività, sulla lista, sulla coalizione e sul programma elettorale. Deve avere uno spazio blog ed uno spazio dove il cittadino può scaricare materiale informativo. Fondamentale è poi la newsletter. In ogni caso questa scelta è interessante ed è un ottimo investimento: alla fine della campagna resta pur sempre un bel sito utile e posizionato.
  2. Posizionamento: su Google è fondamentale e bisogna ottenerlo anche investendo.
  3. Social: social curati, perfetti e reattivi
  4. Immagine: tutto deve essere coordinato e facilmente riconoscibile.

Campagna elettorale: parliamone

Sei pronto e vuoi candidarti per amministrare il tuo comune, rappresenti una lista civica o un movimento, un partito politico o un gruppo di cittadini. Vuoi vincere ma non sai come fare. Parliamone insieme la tua campagna elettorale attuale si muove nel virtuale e la comunicazione digitale è il primo step quello giusto per vincere, non facile, ma facilmente.

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
ELE

Nata nel cuore della Sardegna, qualche giorno fa. Based in Sardinia a qualche chilometro dal mare della costa Ovest. Guardare il mare: superarne le frontiere. Una mission resa possibile dalla rete. Curiosità, passione ed amore per la comunicazione mi rendono una professionista capace e combattiva

Commenta